Lettera inviata da Stellacometa

stellacometae@elbasun.com

 

Cara Elbasun,
sono abituata ad affidarti i miei pensieri da molto tempo perchè tu li conservi intatti e affinchè tu mi dia la gioia della condivisione.
Ti chiedo adesso di ospitare un mio ritratto disegnato con i tenui colori dell'amicizia, una mia immagine colta, attraverso le parole e la voce, da un grande amico lontano lontano.


ILI DELLE CANOE


"CIAO SONO ILI DELLE CANOE"

MI TENDI LA MANO

MENTRE SCENDONO RAPIDE

LE RAGAZZE DALLA STATION WAGON

LE OSSERVI SFILARE IN ACQUA

SVOLTARE L'ANSA DEL FIUME

SENZA OMBRA DI ANSIA.

"COSA VUOI DIRMI UOMO DI MARE?

NON HO ALCUN BISOGNO DI FARTI PARLARE"

MI TRADISCE UN SORRISO,

LA MOSSA DI SFIORARTI SUL BRACCIO,

TI SEGUO A DISTANZA

E LA RISPOSTA ALLA MIA NON-DOMANDA

LA VEDO CHIARA, COMUNQUE,

NEGLI SPICCHI DI CIELO

E SUL VISO DI ILI DELLE CANOE.



PA 18 APRILE 2000.